socioeco.org
Sito di risorse documentarie sull’economia sociale e solidale

« Poco-a-poco » c’ha ‘l bicchiere mezzo vuoto.

Tomas Regazzola, settembre 2017

Scaricare PDF (110 KiB)

Compendio :

In Francia (ma non solo), la crescita dei consumi bio supera ogni previsione : tra il 2000 e il 2015 il numero delle aziende bio é stato moltiplicato per cinque. Il fatturato bio di tutte le forme di distribuzione é stato moltiplicato per 6, supera 7 miliardi d’€, con una crescita a due ciffre.

Si tratta d’una spinta venuta « dal basso », alimentata dalle scelte individuali di contadini innovatori, che han ricuperato l’autonomia produttiva e commerciale, grazie alla risurrezione, nelle rappresentazioni mentali dei cittadini, d’una immagine che il sistema dominante aveva cancellato quasi completamente : l’immagine d’un consumo collegato alla produzione1.

Senza dubbio, lo sviluppo del consumo bio e la multiplicazione dei piccoli produttori a vendita diretta hanno une gran valore pedagogico e sperimentale; però, la Confédération Paysanne sottolinea che le regole dell’economia e delle politiche agricole proibiscono che quelle pratiche possano generalizzarsi, rischiando, anzi, di sfociare in un’agricoltura a doppia velocità.